Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Oltre me…’ Category


Aspettavo infreddolito il cambio per poter godere di 2 ore di riposo.

Scaldarsi al tenue calore del fuoco con le la sola luce della luna a darti la forza…

Stanco perchè in quelle zone non passava nessuno, stanco perchè il silenzio dell’infinito è sempre più profondo del silenzio della mia anima.

Mentre si avvicinano, alla luce della luna, risplendono e questo mi permette di prepararmi: nessuna curiosità deve venire fuori.

Urlai, come si urla ad un amica che non si vede da tempo, urlai, sperando che la voce non mostrasse quel che la testa avrebbe voluto nascondere:

Anima Amica, hai forse perduto la strada? In questi luoghi morte e paura sono di casa, vuoi forse varcare questo confine?

Mi guardò in silenzio, perchè forse di parole non ne avevamo bisogno e si avvicino guardando il tenue calore della mia fiamma.

Calore tenue per combattere la questa fredda notte, dove siamo?

Mi chiese.

Questo è il luogo dove il tuo passo si deve fermare, il ritorno potrebbe essere angusto, ma oltre questo punto è assai raro il ritorno.

Risposi con un filo di voce, buttando un ciocco di legno bagnato sul bracere incandescente

Tu che sei qui da sempre, Guardia di Confine, conoscerai i sentieri che portano oltre questa cima, raccontami quel che si nasconde oltre l’oscurità di questa notte e di questi luoghi.

Anima in pena, che cercava di capire, oltre il confine, cosa l’aspetta…

Oltre questi sentieri, che scorrono alle tue spalle è la tua casa e il calore di un abbraccio, è il sole che ogni giorno ti scalda e  la frescura della rugiada tra i rami nella notte, non hai bisogno delle mie parole per sapere cosa ti aspetta al ritorno.

Gli mostrai in lontananza il bagliore del paese e mi guardò, pensando di parlare con un folle…

Guardia di frontiera, perchè mi mostri quel che conosco? Voglio sapere oltre il confine alle tue spalle cosa si cela! Forse la follia di cui questi luoghi sono intrisi ha oscurato per sempre la tua mente? Vi sarà da qualche parte un sentiero che porti  sani e salvi oltre il confine…

La guardai per un attimo, con il cuore che pulsava con forza, ricordando il percorso passato…

L’unico sentiero, che porta oltre il confine, è alle tue spalle, oltre le guardie di confine c’è solo il confine…

Rimase perplessa e mi disse:

Il concetto stesso di confine presuppone l’esistenza di qualcosa oltre il confine, che non sia nulla di simile a ciò che vi è prima di esso…

Risposi:

Il concetto stesso di confine presuppone l’esistenza delle guardie di confine, oltre il confine ci potrebbe essere il nulla… Folle è cercare di attraversare il confine e folle sarebbe che io, Guardia di Confine, ti permettessi di proseguire verso il nulla…

Mi morsi la lingua, lei mi guardò è proseguendo innanzi disse:

Quella è la mia strada….

la guardai svanire nel buio…

Read Full Post »

Eleonora


Ti guardo e ti osservo,

Ascolto, come il mare,

la voce che mi invade

e mi lascia senza fiato.

 

Tu sei e non sei, duale

come la notte e il giorno

come la verità

e la percezione del vero.

 

Universo dove perdersi

Universo a cui arrendersi

Universo da comprendere

Universo da colmare…

 

Raggio di Luce negato,

per questo più splendente…

Oceano scuro e tenebroso

Che al tuffarsi non bagna.

 

Ricerca costante

di una dimensione

Che non hai, che non ho…

 

Sono io, sei tu…

Read Full Post »


In silenzio, questa è la mia natura, vi osservo cercando di capire, cercando di andare oltre le vostre affermazioni.

Passare ore a parlare, discutere, riflettere, ipotizzare, manifestare, criticare, scioperare, passare ore a non fare nulla.

Osservo in silenzio il sistema che vi avvolge, voi che ne siete parte ma passate la vita a inveire contro di esso.

Alternativi ad oltranza, indipendenti, ma di un’indipendenza innoqua, che si manifesta nelle notti passate a bere liquori forniti dal sistema, cocktails e droghe che alimentano il contro-sistema che è parte intrinseca del sistema che che vorreste sovvertire, guardando programmi della televisione forniti dal sistema… ballate, dondolate, urlate perchè il sistema vi ha insegnato che per essere alternativi, per contrastare ciò che sapete essere sbagliato, dovete neccessariamente sfogarvi nell’inutile arte del automassacro. Vi hanno insegnato ad essere una singolarità dedita all’autodistruzione.

L’equilibrio armonico tra due opposti crea un sistema stabile.

Il potere economico si sovverte creando un sistema al suo interno che punti a scardinarlo, tenendo sempre in mente i valori fondanti dell’essere umano. Ululare alla luna, per ore, in attesa che tramonti è insignificante.

Read Full Post »


Cammino in silenzio, una luna più grande del solito mi fa compagnia,nessuno con cui parlare…

– Il rombo di un motore, una raffica di mitra, un cuore di un uomo che si ferma.

Passa un’automobile, anonima, mi supera e mi chiedo dove stia andando, un’altra vita che mi sfugge via e che non avrò mai il piacere di conoscere.

– Un rantolo e vedo altro mio sangue scorrere, tremo ed un freddo mi penetra nell’anima, contorco il viso, in un ghigno inumano sentendo l’ultimo respiro che mi abbandona… buio.

Rifletto, ma ogni rifessione mi porta ad una cotraddizione di fondo “propaganda di regime”, mi dico, ma la propaganda è menzogna la propaganda è di ciascuno. Ciascuno, istintivamente, cerca di dare un’immagine migliore ed un motivo per gli atti scellerati che compie. Io inevitabilmente vivo gli eventi attraverso il filtro della mia cultura, posso avere un giudizio non di parte?

– Un riflesso in quella casa, potrebbe essere l’ultimo attimo della vita, un colpo, sordo, dal mio cannone e in un esplosione nella casa… non era un bambino, impaurito e nascoso, mi ripeto… era un sanguinoso nemico… Sono ancora vivo!

Tutto inscenato per il petrolio, le armi le hanno fornite i servizi segreti ai ribelli e la crisi energetica. Si poteva intervenire prima, perchè si è tergiversato? Poi fino a ieri ci andavano a pranzo con Gheddafi. Poi la crisi nucleare, il petrolio…

– Un bagliore, il fischio acuto e l’esplosione delle bombe sulle case… sono troppo veloci non riusciremo mai a colpirli con la nostra rudimentale antiaerea…

In tutta l’Africa avvengono massacri di civili, in sordina, senza che nessuno ne parli… non si può fare una guerra per portare la pace…

– Ci massacrano e nessuno fa nulla… non ci arrenderemo, questo regime deve cadere…

– Nel nome della rivoluzione ogni terrorista dovrà cadere…

– Bisogna intervenire, li stanno massacrando.

– Ci stanno attacando, stanno attaccando la nostra nazione, per il petrolio era tutto un complotto…

Quant’è stupido l’uomo.

Read Full Post »


Primati:

Per un giorno Berlusconi non è stato l’uomo piu odiato della nazione… Poi Misseri ha ritrattato l’omicidio e la violenza post mortem.

Credibilità:

Il Papa: “il preservativo a volte è giusto” sottolineando “quando è bucato…”

Credibilità 2:

La Carfagna vuol lasciare governo e PdL. Mhhh… Nuda sul giornale è uscita più volte… è la volta buona che la si trova su youporn…

Certezze:

“Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola. Solo gli imbecilli sono sempre sicuri di ciò che fanno e dicono. (Voltaire).” – ne è Sicuro, sig. Voltaire?

Così fan tutti:

Sillogismi: I partiti rubano, la Lega è un partito… fate un pò voi…

Male in foto:

Secondo me all’Ansa ci provano gusto… Ci fosse una volta che pubblicano un foto del papa senza farlo sembrare nosferatu… 😀

Orge:

Libero: “Saviano, Un’ammucchiata contro Silvio”, Berlusconi si è offeso, “non mi hanno neanche invitato…”

UFFF!

Mi hai fatto due maroni così grossi che uno è diventato pure ministro…

Berlusconi a Matrix:

“Pillola blu ti svegli domani e non ricordi nulla, pillola rossa scopri quant’è profonda la tana della bianconiglietta…”.

Sostanza e forma:

La vita e troppo breve e le cose da fare sono troppe per stare a pensare anche alla forma… 😉

Cosiglio di vita:

“Stai fermo quando tutti si muovono, muoviti quando gli altri son fermi”

Immensità

Datemi un cielo stellato e… vaffanculo a tutti i menestrelli…

Negramaro:

”Il download illegale ucciderà i prodotti di qualità” (però quando lo facevamo noi andava bene…)

Sviluppo:

Papa: “C’è una crisi economica seria, è necessario rivedere il modello di sviluppo”… Già fatto…

Antistato

Chi è Stato? Stato non è chi tratta con la mafia all’oscuro dei propri cittadini…

Bellezza

Oggi la seconda cosa più bella era il cielo stellato… la prima la dico solo sotto tortura…

Bolle di sapone

Berlusconi nega le contestazioni: “sono stato accolto benissimo” ed ha aggiunto “c’era un sacco di gente che mi voleva fare la festa”

Veneto:

Piovono soldi e promesse dal governo, ma si inizia a capire che non si possono mangiare…

Morale ed amorale

Sallusti che dice: non bisogna essere “Moralisti”, se potessi gli risponderei no, amico mio, non bisogna essere “Amorali”…

Evidentemente…

Ritrovata la corda utilizzata per uccidere Sarah dopo 2 mesi e su segnalazione di Misseri… era nella macchina della moglie… I carabinieri: “Davvero? Dimostra un arguzia incredibile… noi non ci avremmo mai pensato”

Problemi e soluzioni

Risolto il problema dell’italia che va a puttane: Arrestate.

Read Full Post »


Segreti:

Vi svelo un “segreto”: quando la propaganda si scontra con la satira nasce corto-circuito logico, quando invece la propaganda si scontra con la realtà nasce la rivoluzione…

Non è la rai!

Saviano, Fazio ed Endemol: è spettacolare vedere Masi che cerca di censurare a nome del presidente, una trasmissione prodotta dal presidente, contro il presidente, che fa concorrenza alle televisioni del presidente…

Cribbio!

Il processo? che sia breve, anzi… se non lo fate è meglio…

Realità

Televotate amici! Chi è stato ad uccidere Sarah Scazzi, premete sul rosso per Michele, Sul giallo per Sabrina, verde per Cosima, blu per Valentina. Forza amici, chi volete far entrare nella Grande Cella? Siete voi a deciderlo col vostro telecomando!

Ci provo…

Ma se faccio una rapina ad una banca poi me lo fate un Lodo?

Tempo:

è scientificamente dimostrato che 24 ore non bastano…

Amici

Alcune amicizie si perdono e non capisci neanche come…

In bottiglia

Mineracqua (federazione imbottigliatori di acqua minerale) “Ci siamo stancati di sentire dire che l’acqua del rubinetto e quella in bottiglia sono uguali. Non è così.” – mmhhh… e che ci metteranno mai nell’acqua minerale?

Videogiochi di guerra:

“sono accettabili finchè sei tu ad ammazzare gli sporchi talebani”…

Sciacalli:

Morta infermiera rumena aggredita da italiano: Maroni: “Tutti gli italiani verranno rimpatriati a forza.”

Berlusconi.

Credo che sia arrivato il momento di archiviare il parassita costituzionale…

Senza giovani nè vecchi

Un pò di tempo fa parlavo di conflitto generazionale… ora il conflitto si sta palesando giorno dopo giorno… e la prigione, delle quattro mura domestiche diventerà sempre più pesante… non è un più un paese per giovani, e presto non lo sarà neanche per vecchi…

Significato

Non c’è niente di più “insignificante” delle virgolette…

La verità scappa…

Berlusconi “La costituzione non è un dogma” ed infatti non ha bisogno di essere messa in discussione…

Barzellette

‎”Sì alle bombe sugli aerei italiani Amx, ma tenendo in massima considerazione la salvaguardia della vita umana quando si pianificano le missioni.” Poi iniziò a raccontare la barzelletta: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali…”

Sinistra…

Sentire La Russa che dice “Fassino dice delle cose che è come se le dicessi io” è mooolto significativo sullo stato del PD…

Read Full Post »


Egregio Presidente rispondo a questa sua.

Sono state tante le battaglie Politiche che ho combattuto nel nome del Software Libero, sono state tante le volte che ho dovuto confrontarmi con persone che non comprendevano l’importanza della libertà digitale, l’importanza di dare a tutti pari opportunità a livello informatico. Lei è una delle tante pedine che, non comprendendo appieno la rivoluzione informatica del Free Software, cerca di nascondere con le parole, la propria non volontà politica di aprire la pubblica amministrazione al Software Libero. Stia tranquillo, non è una novità.

Quando si parla di Free Software la politica, per qualche strano motivo, parla sempre al “futuro”: “Vareremo a breve”, “Faremo”, “Diremo” nel frattempo stipula contratti ed accordi con aziende che di cercano di monopolizzare il mercato.

Questo accade perché, come lei sa, non è più socialmente sostenibile la politica in cui il software vincoli l’utente ad una determinata piattaforma ma, non ha il coraggio di rinunciare a ciò che conosce, per dare la possibilità a  nuovi “concorrenti” di entrare sul mercato. Si perché di questo si tratta. Vede, cose che per lei sono banali e meccaniche (tipo: lei non si sarà mai chiesto in che formato salvare un documento, o in che formato salvare un immagine, o perché si avvia Windows quando accende per la prima volta un computer) in ambito digitale sono di vitale importanza, perché chiudono o aprono un enorme fetta di mercato a grandi e piccoli sviluppatori.

L’esempio più evidente lo trova su internet: dove non vi è stata la predominanza di un sistema “Microsoft” si è creato un enorme microcosmo di aziende che forniscono servizi in maniera indipendente, generando vera innovazione a costi realmente irrisori.

Lei dice di aver scelto l’open source e di questo non possiamo far altro che rallegrarci… ma in quale ambito? Quali sono i progetti attualmente in uso alla regione Puglia che sono stati rilasciati/utilizzati/finanziati? Mi contrappone ad un “contratto di collaborazione” firmato, una “scelta generica e futura”, ossia, come dice lei definendo al negativo, “una dichiarazione di intenti”.

Lei sottolinea il “senza investimenti pubblici” come se fosse una medaglia al valore. Vede… Al popolo del Free Software che conosce le modalità di prelievo di Microsoft: La cosiddetta “Microsoft Tax” che paghiamo ogni volta che acquistiamo un computer, oppure l’obbligo di utilizzare un determinato formato o l’obbligo di pagare un determinato “brevetto” (anche in maniera indiretta) sono tutte cose che ci sono ben chiare…

Come sono ben chiare le modalità di colonizzazione del mercato messe in atto dall’azienda, stringere accordi per la ricerca per fossilizzare il mercato su una data piattaforma (Windows). Le faccio una proposta: visto che è un accordo “paritario” tra due entità di cui una pubblica si potrebbe anche chiedere, in qualità di ente pubblico, a Microsoft di utilizzare “strumenti aperti” e rilasciare il tutto come Free Software?

Le strategie commerciali e monopolistiche di Microsoft le conosciamo troppo bene per accettare le vostre parole. “Open Source”, “Favorire lo Scambio”, “Stimolare l’innovazione” sono parole senza senso se non si abbinano ad un accordo “paritario” tra i vari competitors. In informatica si hanno ben chiari i limiti della politica ed i “piccoli stratagemmi” messi in atto da determinate aziende per garantirsi il “Monopolio” del mercato.

Visto che mi è sembrato sufficientemente preparato sulle aziende che aiutano i progetti da lei menzionati, le potrei tranquillamente ricordare che Firefox, Openoffice.org, (ma ne potrei elencare altri) sono delle evoluzioni di progetti “strangolati” dalla “strategia economica monopolistica” di Microsoft (aziende fallite, gente che ci lavorava dentro).

Potrei fermarmi qui, come dice lei, ma mi tocca continuare, perché la parte che fa più male del suo discorso è proprio l’attacco ideologico al software libero, la parte “politica” che manifesta l’approccio schematico ed “obsoleto” con cui si guarda al Software Libero.

Vede, leggendo con attenzione la frase di Alessandro ed Athosda da lei riportata: “questo tipo di software è l’unico che non può essere controllato da nessuna azienda” capirà che tutto quello che lei ha scritto non ha dato una risposta all’affermazione, ma ha semplicemente cercato di sviare il discorso cercando di insinuare che dietro a quei prodotti software ci siano determinate aziende.

Visto che non le è chiaro il concetto da loro espresso cercherò di spiegarlo meglio:

“Il Software Libero non crea dipendenza, nessuno può chiudere cambiare, smettere di supportare o decidere quali funzioni sono interessanti o meno di un programma se non la comunità degli utenti e degli sviluppatori, quali formati di file supportare o meno, nessuno ha l’obbligo di rifornirsi dal “fornitore primo” del software stesso.

Il fatto che le aziende che lei ha elencato siano i maggiori “finanziatori”, “sviluppatori” e che forniscano assistenza a tali sistemi non vuol certo dire che abbiano “il controllo sul progetto” (Se trova interessante, le posso indicare numerosi Fork di software che contrariamente alla direzione scelta dall’azienda, sono andati avanti in direzione “ostinata e contraria”). Sarà il “cliente” a decidere di chi fidarsi o meno.

Lei dice “L’Open Source si propone come un modello di Business del software. Certo più sostenibile, ma pur sempre un modello di business” intendendo forse che non è compito della politica scegliere il modello di business.

Ha detto una grande verità, ma ha sottinteso una grande bugia, la politica tra modelli di business più o meno sostenibile deve, necessariamente confrontarsi con un modello di business più sostenibile, per una questione etica e pragmatica. Se la politica tra due sistemi di business dovesse scegliere aprioristicamente il modello di business meno sostenibile, non sarebbe la “migliore politica” perché anteporrebbe al bene futuro di tutti il bene immediato di pochi e non si intende solo Microsoft…

I suoi (?) giudizi: “L’immagine di un prodotto evoluto e gratuito portato avanti da eserciti… non convince del tutto”, “non è cosa per privati appassionati”, “Ma solo per grandi aziende” sono semplicemente confutati dai “Fatti”, ossia che esiste  come lei dice “un enorme laboratorio di sviluppo condiviso” portato avanti da Aziende, Appassionati, Ricercatori, Università, ecc. che, indipendentemente da chi lo compone, funziona bene (anche meglio) e dà da lavorare e per questo non deve essere ignorato per pregiudizi, ignoranza o per poca “lungimiranza”.

Poi lei parla di “liberarci” da “altri” monopoli che limitano la nostra possibilità di connessione, come se quello di “Microsoft” (La prima azienda globale) fosse un monopolio di minore entità…  Per questo non posso che ritenere “pretestuosa” la lotta ad altri monopoli… Non ci sono monopoli trascurabili perché, semplicemente, in un modo o nell’altro un monopolio toglie ed ha tolto le “possibilità” ad altri, sfruttando oltretutto dei vincoli “di contratto” o limitazioni “arbitrarie”.

Vede, Sig. Vendola, Lei fa delle scelte politiche, Il software Libero è un entità a se stante che è indipendente dalla politica.

Rappresenta Aziende, Volontari, Lavoratori ma anche impiegati ossia “una parte” non “trascurabile” del mondo informatico, gente preparata che in un modo o nell’altro ha trovato nella rete (basata quasi totalmente su sistemi “Aperti”,”Liberi” e “Gratuiti” ) una forma continua di confronto e di dialettica… Lei ha fatto una scelta che nelle sue idee, forse, serviva a migliorare la formazione in Puglia… ma questa idea, che in apparenza potrebbe essere vantaggiosa è dannosa per il sistema paese e regione, perché non valuta la qualità, non favorisce le aziende locali e non apre il mercato, ignorando tante realtà che potrebbero fornire strumenti molto più efficaci per il rilancio del sistema paese.

Non può pretendere di convincere noi, della bontà delle sue azioni, perché sono anni che vediamo la politica “ignorare totalmente o quasi” le istanze del mondo del Software Libero e dell’associazionismo informatico italiano, Mentre fanno man bassa degli strumenti messi a disposizione dagli stessi sviluppatori (CMS, Portali, Siti Web per esempio…). Le posso tranquillamente dire, che la politica è troppo indietro per capire l’importanza dell’adozione del Software Libero.

Colgo l’occasione per porgerle i miei più cordiali Saluti

Americo Iacovizzi

Read Full Post »

Older Posts »